venerdì 22 novembre 2013

la macchina del tempo

un breve viaggio nel mio passato e futuro...

Ricordo con estrema tenerezza il 1993 quando facevo le prime prove di testi poesie, i primi disegni che provavo a fare e che puntualmente buttavo via.
Da quel momento son passati già vent'anni, venti anni!
Nel frattempo qualcosa in qualche cassetto l'ho trovato e con il passare del tempo qualche colore e la penna li ho ripresi in mano per diletto e per lavoro.
E così avevo creato un primo sito, avevo sperimentato un po, ma poi i tempi serrati del lavoro (e forse un po di pigrizia) mi hanno allontanato da queste sperimentazioni.
Ma una traccia ancora è rimasta. Il mio primo sito, ancora on line.
E li sono conservati alcuni simboli che mi "rappresentavano", in primis la barchetta di carta che consideravo un po un mio simbolo, una mia firma.

Il primo sito si chiamava tartArt e questa è un'inedita elaborazione grafica
fatta per pubblicizzare il sito ma mai pubblicata.
Riproponeva un famoso dentifricio il cui nome aumentato di una semplice T,
 era lo stesso del mio sito. 


Poi il tempo mi ha portato ad una struttura più snella e quel sito è stato riversato in questo blog, un luogo che mi ha accompagnato in varie fasi importanti del mio lavoro.

Ha visto i primi dieci anni (2003-2013) della mia libera professione.
Ha visto momenti spensierati e momenti difficili.
Ha visto lavori divertenti ed appassionanti.
Ha visto colleghi competenti e "speciali"

E allora è il momento di tirare le somme e pensare al futuro.
E' in periodi come questi, in cui i tempi ed i ritmi sono un po meno serrati che mi piace riflettere guardare avanti.
E' nei momenti calmi e tranquilli che bisogna investire maggiormente, trovare nuovi stimoli, tracciare nuove rotte.
Anche comunicando su questo blog.

Questa lampadina è il simbolo di questo periodo. La prima immagine che avevo inserito nel mio primo sito, anche banalmente se volete, ma che riprendo con affetto.
Come simbolo del futuro da tracciare.
Come collegamento tra il passato e il futuro.



Le idee non mancano e allora... Io ci provo! E presto ve ne accorgerete!

gdl