venerdì 28 novembre 2014

Non ci rimaneva che trovare un terreno fertile ... Natural Recall

Girovagando tra i campi e le calli veneziane non è così insolito imbattersi in piccoli o grandi giardini verdi, pubblici o privati, che si alternano, contrastandole, con le grigie lastre di trachite utilizzate per la pavimentazione della città.
Tra i tanti e più famosi giardini pubblici veneziani spiccano i Giardini della Biennale a pochi passi dai quali si trova una elegante e raffinata struttura liberty: la Serra dei Giardini.

La Serra dei Giardini a Venezia

È qui che il 22 novembre si sono dati appuntamento poeti visivi, artisti e graphic designer da tutto il mondo per l’inaugurazione di Natural Recall, le affinità elettive tra l'uomo e la natura. La mostra mira a raccontare, attraverso quarantadue opere grafiche e creative, il legame che unisce l'universo umano alle piante, agli alberi, ai fiori.
Il percorso espositivo nasce dalla selezione di opere pervenute al contest di comunicazione internazionale ideato dallo studio di comunicazione co.me con sede a Treviso e da Gtower, studio di progettazione visiva di Milano.
Ho avuto il piacere di essere presente all’inaugurazione e di ritrovare numerosi conoscenti ed amici. Tra un respiro e l’altro c’è stata la possibilità di fare quattro chiacchiere completamente verdi con Giulia Comba e Stefano Meneghetti dello studio co.me.


gdl Quando è stato piantato il seme di questa idea? Come è stata coltivata fino a diventare Natural Recall?
NR In realtà questo seme c’è sempre stato. Non ci rimaneva che trovare un terreno fertile coinvolgendo persone che avessero lo stesso desiderio di farlo crescere. Il tutto è iniziato casualmente con una telefonata e la Natura ha fatto il suo corso.

gdl I pastelli ed i pennelli per disegnare e colorare sono fatti di legno, la carta fatta con la cellulosa ma non credo si tratti solo questo… Quale è la relazione tra natura e arte allora?
NR È intrinseca la relazione tra natura e arte. Noi stessi siamo natura. Per capirlo la miglior cosa è andare a vedere la mostra ed immergersi nell'atmosfera di stretta relazione che si è creata tra le opere grafiche, la bellissima struttura della serra e le piante che la abitano.

Jerry Takigawa - Senza nome - Usa


gdl Natural Recall non è solo una mostra, ma un messaggio che vuole volare come polline che si diffonde nell’aria. Ce ne vuoi parlare?
NR Quello che ha fatto nascere questo progetto è il desiderio e la voglia di condividere la consapevolezza che il regno vegetale ha bisogno di essere riconosciuto, rispettato, tutelato.

gdl Quali saranno i nuovi semi da piantare in futuro?
NR Vorremmo portare in giro per il mondo la mostra e vorremmo far si che Natural Recall diventasse cassa di risonanza e spunto creativo per tutte quelle realtà sensibili al tema. (scuole, orti botanici, musicisti, associazioni e singoli individui …). 


Anna Pirolli - You'll see - Italy

gdl Una mostra viva, una mostra che respira anche grazie al sito naturalrecall.org. Cosa si può fare e trovare in questo sottobosco artistico? 
NR Il sito naturalrecall.org da la possibilità alle persone sensibili al tema di esprimere la propria affinità elettiva con una determinata pianta ed in generale con la natura, attraverso un testo e delle immagini. Colgo l’occasione per invitare chi ci sta leggendo a partecipare al progetto scrivendo un contributo che racconti il proprio incontro con la natura, con un albero, con una pianta, con un fiore.

gdl Grazie mille a te e a tutti gli altri seminatori. Ci rivediamo a Venezia fino al 28 dicembre, alla Serra dei Giardini, sotto quell’albero lì…